Viale Leopardi, 64 - 44121 Ferrara (FE) • +39 0532 207390 /+39 0532 210133 • feps01000n@istruzione.it • feps01000n@pec.istruzione.it
Succursale: Via Azzo Novello, 2 (c/o Istituto "V.Monti") • +39 0532 212042

E-Pub Di foglia in foglio Voci dalle pietre Trombe, tromboni & ... grancassa "Le mie parole con le tue - Meine Worte mit deinen" La discarica delle parole storte W l'Italia libera! Templari a Ferrara. Tra storia e leggenda a cura di Francesco Scafuri Giorno della memoria 2013 - Le carte incontrano i loro protagonisti Giorno della memoria 2014 - A carte scoperte Giorno della Memoria 2016 - La Sinagoga profanata Lo squadrismo: come lo raccontarono i fascisti, come lo vissero gli antifascisti Francesco Scafuri - Passeggiando per Ferrara Francesco Scafuri - Guida di Ferrara per giovani visitatori Francesco Scafuri - Architettura del Novecento Nico Landi - Una storia di Storia Nugae discipulorum Nella notte simbolista - Pier Augusto Tagliaferri, pittore Gli aventur ad Pinochio - Storia d'un buratin Farfalle Atmosfera creativa Il cinema della memoria Ferrara nei film di Gianfranco Mingozzi L'Identità Ritrovata Progetto didattico-editoriale del Liceo Artistico “Dosso Dossi” di Ferrara Aldo Luppi - Aldo Luppi Uno scrittore ferrarese Saggi critici, ricordi, testimonianze, racconti inediti La scuola Matteo Maria Boiardo nelle carte d’archivio a cura di Corinna Mezzetti, Beatrice Morsiani e Angela Poli La Biblioteca Pubblica di Ferrara Le tracce del passato diventano memoria del presente Testo a cura di Maria Bonora - Coordinamento didattico a cura di Paola Chiorboli Tra il rigore della legge e il vento della storia La condizione delle donne all’Isola d’Elba tra il XVI e il XVIII secolo Il gioco - io gioco In gran Segreto La Lena Le parole, le cose, l'arme e 'l capitano. di Girolamo De Michele Una nuova scuola per la città a cura di Corinna Mezzetti, Beatrice Morsiani e Angela Poli Ferrara 1915 – 1918, Uno sguardo al cielo L’aeroscalo dirigibili di Ferrara nella Grande Guerra Io Voto! Gianfranco Rossi - Nove studi sulla sua opera Le carte dell'impresario a cura di Paola Chiorboli, Dario Favretti, Corinna Mezzetti e Beatrice Morsiani Lorenzo Barbirolli: un musicista tra due patrie a cura di Nicola Badolato, Corinna Mezzetti e Antonietta Molinari Materiali per la storia delle collezioni di antichità dei Musei Civici ... Valentina Bonaccorsi Giuseppe Avanzi (1645 - 1718), un pittore nella Ferrara di secondo Seicento Enrico Ghetti In gioco tra le carte a cura di Corinna Mezzetti e Beatrice Morsiani Viaggio nella Comunità dei Saperi a cura di Daniela Cappagli I progetti dei nostri allievi
Una nuova scuola per la città a cura di Corinna Mezzetti, Beatrice Morsiani e Angela Poli

Nell’epoca attuale, attraversata da continui e multiformi eventi di cronaca sui quali raramente si posano lo spazio ed il tempo di una riflessione e di un approfondimento, il sapere storico frequentemente viene considerato come un campo disciplinare astratto e di scarsa utilità per il presente in cui viviamo ed il futuro verso il quale siamo proiettati.

In tale contesto, il progetto 80° Scuola Alda Costa, che ha visto il coinvolgimento di importanti istituzioni culturali ed educative della nostra città, assume un’importanza cruciale per come riesce a mostrare e dipanare l’intreccio fra il nostro recente passato storico ed il presente in cui operiamo.

La scuola “Alda Costa”, infatti, rappresenta un luogo allo stesso tempo materiale ed immateriale, carico di significati molteplici per quel che riguarda il tessuto del nostro territorio – urbanistici, architettonici, storici, culturali e educativi. Si tratta di segni e lasciti che, nella distratta fruizione quotidiana della nostra città, rimangono usualmente inerti e non introiettati in una compiuta dimensione civica, ma che pure rappresentano un tassello fondamentale nella costruzione dell’identità del luogo che abitiamo e della nostra dimensione di cittadini. Queste tracce, una volta che siano svelate ed approfondite, ci consentono di leggere ed interpretare le trasformazioni che hanno operato a diversi livelli nel tempo passato, e che hanno conformato e definito la nostra epoca attuale: trasformazioni urbanistiche ed architettoniche, con l’impronta 'razionalista' che negli anni ’30 del secolo scorso ha mutato radicalmente l’area in precedenza occupata dal primo Ospedale Sant'Anna di Ferrara; trasformazioni storiche ed educative, in seguito alla costruzione di un vero e proprio polo del sapere in tale zona, che legava insieme ambito didattico e di trasmissione della conoscenza; trasformazioni culturali, legate in questo caso alla toponomastica, per il ruolo dell’educatrice Alda Costa nelle vicende sociali e politiche della nostra città nel periodo fra le due guerre mondiali, ruolo per il quale tale personaggio storico è divenuto il modello per il personaggio letterario di Clelia Trotti nelle Cinque storie ferraresi di Giorgio Bassani. Per tali motivi, il progetto che ha visto l’impegno congiunto di insegnanti e studenti e del personale dell’Archivio Storico Comunale, costituisce un percorso virtuoso di lettura, interpretazione e trasmissione delle nostre radici storiche, culturali e sociali, affinché il nostro presente non venga assunto come un semplice dato di fatto inerte e contingente, ma come realtà dinamica ed innervata dal suo filo riconoscibile di mutamenti negli anni passati.

Massimo Maisto

Vice Sindaco

del Comune di Ferrara

 

 



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.